<Leggi tutto l'articolo>

Non si può parlare di Emilia senza parlare di osterie. Celebrate nei versi di cantautori come Guccini, epicentro della vita notturna delle città e dei paesi, le osterie sono un tassello fondamentale della cultura emiliana. E come loro lo sono gli osti: detentori delle chiavi del buon bere e del buon mangiare, braccia spalancate ad accogliere i viandanti della notte e a rifocillarli.

Ma portare avanti quella cultura non è facile. Serve una buona dose di ostinazione, di testardaggine e ovviamente di passione. E da qui nasce OstiNati, locali del buon bere tra Parma e il suo territorio, presentato poche settimane fa all’Oratorio di San Tiburzio, alla presenza di Michele Guerra, assessore alla Cultura del Comune di Parma. Come ci racconta Alessandro Marzocchi, maitre di Les Caves e uno dei fondatori del progetto: “L’idea di OstiNati nasce dalla lunga collaborazione tra osterie che ogni anno ci porta ad organizzare Vignaioli in Città, quest’anno alla sua nona edizione. Ci sembrava più utile creare una rete di colleghi che non si limitasse solo ad un incontro, ma che potesse essere uno strumento per fare sistema all’interno e all’esterno della nostra città.

Parma fa parte della Rete UNESCO delle Città Creative per la

👉 Leggi l'articolo completo su: https://www.finedininglovers.it/blog/news-tendenze/ostinati-parma/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here