<Leggi tutto l'articolo>

Ascoli. Orto sociale per i detenuti, il carcere Marino raddoppia.

Ampliamento spazi dedicati all’orto per la formazione dei detenuti.

L’orto sociale per il recupero dei detenuti, già presente al carcere del Marino del Tronto, adesso raddoppia con un ampliamento degli spazi dedicati a questa iniziativa.

Nei  giorni scorsi sono state consegnate e messe a dimora le piante invernali che verranno coltivate.

Dopo la positiva esperienza avviata dalla Regione e dall’amministrazione penitenziaria nel 2019, con la piantumazione di alberi di olivo, essenze ornamentali e l’avvio dell’orto, l’attività ricreativa dei detenuti può contare ora su una superficie orticola ampliata dall’Assam, l’agenzia regionale per i servizi agricoli, e irrigata grazie alla collaborazione del Consorzio idrico Piceno, coinvolti nel progetto.

Nella struttura penitenziaria ascolana, sono state nei giorni scorsi consegnate e messe a dimora le piantine invernali (cavolfiori, broccoli, verze, cavoli cappucci, finocchi e insalata) che verranno coltivate nei nuovi spazi.

Il tutto alla presenza del vicepresidente della Regione, Anna Casini, e della direttrice del carcere, Eleonora Consoli.

E’ evidente che l’iniziativa dell’orto sociale in carcere abbia una finalità educativa, consentendo ai detenuti la gestione autonoma di uno spazio da coltivare e poi il consumo dei prodotti ottenuti con questo lavoro.

👉 Leggi l'articolo completo su: https://www.storiedicibo.it/orto-sociale-per-i-detenuti-del-marino/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here