<Leggi tutto l'articolo>

L’appassionata imprenditrice napoletana under 35, ci racconta la sua storia e l’amore per un’area vitivinicola campana dal fascino intramontabile in cui nascono i suoi vini.

Maria Furgiero ha ereditato dal nonno la passione per il mondo del vino.

La storia di Maria Furgiero, vignaiola trentunenne di Bacoli, è un racconto umile, pieno di orgoglio e amore per la terra in cui nasce: l’area dei Campi Flegrei.

Siamo in una suggestiva caldera vulcanica che abbraccia il Golfo di Napoli, ammantata da un mare verde di vigneti in cui la natura è pregna di retaggi storici. Siamo in quella regione dell’universo, citata da Madame de Stael nel suo diario di viaggio in Italia agli inizi del 1800, ove «i vulcani, la storia, la poesia hanno lasciato più tracce».

Il contesto in cui nasce l’avventura di Maria Furgiero

Maria, con una laurea in lingue e una passione sconfinata per il vino, ha coronato il suo sogno di bambina: diventare vignaiola. Dal nonno ha ereditato la passione per il vigneto di famiglia di Sessa Aurunca (CE), antico centro di produzione agricola conquistato dai Romani nel IV secolo a.C. per la sua posizione strategica tra la Via Appia e la Via

👉 Leggi l'articolo completo su: https://www.gazzettadelgusto.it/interviste/chi-e-maria-furgiero-vignaiola/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here