<Leggi tutto l'articolo>

All'Era Pizza di Monza si propone una delle pizze contemporanee migliori d'Italia, senza se né ma. Ce n'eravamo già accorti un paio d'anni fa, in occasione di una nostra visita all'indirizzo del capoluogo brianteo, all'epoca avevamo scritto di "altissima qualità, con topping deliziosi e impasti ancor di più, tanto nella versione classica che in quelle speciali, denominate Nuvola (alta, morbida e croccante. Perfetta coi crudi di mare, come la pizza con gambero viola del Mediterraneo, germogli, burratina Vaghi, maionese all’aceto di Champagne-Ardenne, pane croccante all’aglio nero, foglie essiccate) e l'altra, viola perché aromatizzata al gelso, presenza persistente nel territorio brianzolo e quindi base per la pizza Monzese (con merluzzo in tempura di mais bianco perla, fior di latte, cipolla di Tropea, pomodoro datterino, fagiolino croccante)". E avevamo giustamente esaltato anche la "semplice" Era Margherita, con pomodoro fiaschetto di Torre Guaceto bio, pomodoro calemone bio dry, pomodori confit, mozzarella di bufala campana Dop, olio al basilico, basilico. Giudizio della degustazione: "Semplicemente perfetta".

Due assaggi recentissimi ci hanno confermato le ottime impressioni precedenti. Uno c'entra poco con il mondo della pizza, ma conferma l'eccellenza di Ivan Gorlani, gran chef-piazzaiolo-pasticcere di cui si parla troppo poco: si trattava di un panettone a marchio Dina e firmato da Gorlani con quell'altro grande talento che risponde al nome di Alberto Gipponi, sono entrambi bresciani. Poi le pizze vere e proprie, di Era Pizza ma in versione at home: dal giugno 2020 infatti il locale ha aperto all'asporto e al delivery (in zona, attraverso Deliveroo) e non ne abbiamo approfittato per garantirci una cena straordinaria. Una (anzi, tre) delle migliori pizze che abbiamo gustato da tempo, e finita nel forno di casa.

Concettualmente e qualitativamente il servizio è simile a quello offerto (in tutt'Italia) da quel mostro sacro che è Simone Padoan, ne abbiamo già scritto qui: Abbiamo assaggiato a casa nostra le pizze di Simone Padoan. E sono buonissime. Occorre terminare la cottura del disco seguendo le pratiche istruzioni: risulterà caldo, croccantissimo fuori, morbido dentro. E soprattutto molto saporito, gusto di grano, soave, piacevole. Sui topping, da aggiungere prima o dopo l'infornata a seconda dei casi, abbiamo fatto del nostro meglio.

GAMBERI & PASSION FRUIT – Gambero blu del Pacifico, polvere di acaj, burrata, passion fruit. Un piccolo capolavoro, una pizza elegantissima, complessa, equilibrata, originale, bella da vedere, deliziosa da gustare. Dell'impasto abbiamo già detto; il topping contrappone in un abbraccio felice la dolcezza salata dei gamberi, carnosi, alla dolcezza acida del passion fruit, con la dolcezza lattica e grassa della burrata a fare da fusione e la polvere per il tocco finale anche cromatico.

SICILIANA – Pomodoro fiaschetto Torre Guaceto Bio, pomodoro datterino fresco, pomodoro Paglione dry, capperi di Salina, origano di Pantelleria Bio, olive di Caiazzo, acciughe Cooperativa del Golfo. Tanto la prima gioca sulla raffinatezza e la freschezza, tanto questa è invece piena, muscolosa, solare, intensa. Come la Sicilia, appunto. Tanti gli spunti aromatici, ma sanno trovare un bell'equilibrio tra di loro anche nel disequilibrio del morso: qui spunta il cappero, nel successivo trova più spazio l'acciuga. Goduriosa.

LA GUSTOSA – Tartare di fassona, funghi di stagione, taleggio Marco Vaghi, cremoso di acciughe. Ultimo assaggio, sempre eccellente. Ottima la qualià della tartare, al limite preferiremmo una grana un poco più grossa; il taleggio dà la nota grassa, la crema d'acciughe regala la nota in più sapida-umami che mette a fuoco il gusto, complessivamente i funghi rimangono piuttosto sottotraccia, quasi un complemento meno necessario.

In attesa di riaperture, la formula del delivery-asporto di Era Pizza (clicca qui) prevede la scelta tra sei Pizze Gourmet, tre delle quali sono quelle descritte (tra i 14 e i 27 euro), e una dozzina di più classiche Pizze Pop (tra i 7,50 e gli 11 euro), più sfizi fritti (fiori di zucca, fish&chips…), tanti dolci d'altissima qualità (d'altra parte Gorlani nasce pasticcere), bevande alcoliche e non. Come si sceglie, si sceglie molto bene. 

👉 Leggi l'articolo completo su: http://www.identitagolose.it/sito/it/209/209/27489/mondo-pizza/ma-che-bravo-ivan-gorlani-allera-pizza-tre-nostri-assaggi-lo-confermano-anche-in-asporto-e-delivery.html

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here